Suturiamo?!


Noi chirurghi utilizziamo chilometri e chilometri di fili di sutura di tutti i tipi: assorbibili, non riassorbibili, di nylon, polipropilene, seta, ed altri materiali, senza i quali non potremmo ricucire la cute, il sottocute, legare vasi, nervi, arterie, vene, e tutti i vari tessuti del corpo. Esistono varie tecniche di sutura con punti singoli, doppi, interrotti, continui, a punti staccati, a punti incavigliati e tanti altri.

C’è chi invece utilizza altri tipi di fili e altre tecniche, non per sostenere un volto come per esempio durante un lifting facciale o per trattare una ferita cutanea, ma per creare delle vere opere d’arte che rappresentano il corpo umano. Come Kumi Yamashita.

Per saperne di più: Kumi Yamashita



Articoli correlati

  • Profili

    Guardate l’opera di Kumi Yamashita. Questa artista scolpisce l’ombra con la luce e a volte la luce con l’ombra. Plasma la materia di cui...


  • Iperseno

    Jesse Edwards è pittore, graffiti artist, e creatore di illustrazioni fotorealistiche incredibilmente comiche. Come quella proposta per...


  • Quel fascio di muscoli da cui nasce il sorriso

    Il Magazine TAR, semestrale newyorkese il cui nome è l’anagramma di ART, si rinnova e per la sua seconda copertina sceglie di...


  • Creatura di sabbia

    Liset Castillo è una famosa artista cubana. Crea sculture di sabbia a grandezza naturale. Generalmente si ispira alle modelle che compaiono...


  • L’arte dell’assemblaggio

    Sono collage ricavati da ritagli di riviste femminili e magazine i quadri che compongono la maggior parte dei lavori di Gabi Trinkaus. Mix di...


Posted by admin in : art health, Nessun commento

LEAVE A REPLY

  • Categorie

  • Archivi

  • Latest tweets