…E visse felice e rifatta

E’ stato un caso che ha sollevato molto clamore quello di Aisha, la ragazza afghana mutilata di naso e orecchie per aver tentato di sfuggire dagli abusi della sua famiglia, e finita, grazie a uno scatto di Jodie Bieber sulla copertina del Time nel 2010.

Aisha è solo una delle tantissime testimoni, purtroppo, di episodi di amputazione o bruciatura con acido, sul viso o in altre parti del corpo, che avvengono nel mondo.

I chirurghi plastici possono in questi casi intervenire per ricostruire e correggere.
Certo, il compito è delicatissimo, ma i risultati migliorano drasticamente l’aspetto e le funzioni delle parti interessate dagli sfregi: si possono ridurre le cicatrici, rendere la cute ricostruita il più naturale possibile, ricreare le unità anatomiche invalidate e di conseguenza rendere più serene le vittime di questi abusi.
Il caso di Aisha è un caso estremo, di una violenza inaudita, ma può far riflettere le persone che vorrebbero sottoporsi ad interventi “minori” sul livello di risolutività a cui è arrivata la chirurgia plastica.
Girando sul web si può anche vedere il risultato che è stato ottenuto su Aisha: un nuovo aspetto che dà speranza e coraggio…



Articoli correlati

  • Eccessi

    Il fotografo inglese Mr Toledano si è interessato al tema della bellezza nel mondo contemporaneo e da questa ricerca sono scaturiti una serie...


  • Simmetria

    Ognuno di noi è asimmetrico in maggior o minor modo; cosa succederebbe se I nostri volti fossero simmetrici? Per questo, Julian Wolkenstein...


  • Corpo e Natura

    Jean Paul Bourdier è un architetto, artista e fotografo. È l’autore della serie "Bodyscapes", dove colloca “elementi” umani all’interno...


  • La Maya desnuda

    Non poteva partecipare alle Paralimpiadi 2012 per mancanza di soldi e così Maya Nakanishi non si è persa d’animo e ha inventato una...


Posted by admin in : health photography, Nessun commento

LEAVE A REPLY

  • Categorie

  • Archivi

  • Latest tweets